PortalePortale  IndiceIndice  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 
Rechercher Ricerca avanzata
Ultimi argomenti
» Presentazione FABIO BERNINI
Ieri alle 10:10 Da flavioleon

» Avvistamenti...
Dom 20 Ago 2017 - 19:06 Da huc53

» [VENDO-Torino] - Ricambi vari per Fulvia
Sab 19 Ago 2017 - 21:41 Da Iena991

» Fulvia su e-Bay/Subito.it... Sviste e mai viste...
Sab 19 Ago 2017 - 16:52 Da lorenzo marzona

» Pensavo alla Fulvia, e son partito in seconda!
Ven 18 Ago 2017 - 22:49 Da luciano parisi

» Presentazione Emanuele
Ven 18 Ago 2017 - 11:44 Da Davide66

» Nuovo mezzo fulvi sta fra voi
Lun 14 Ago 2017 - 13:45 Da ingfgreco

» Pompa ripresa Solex C35 PHH
Dom 13 Ago 2017 - 17:07 Da 911911911

» Cersasi prese d'aria cromate
Gio 10 Ago 2017 - 22:56 Da fulvia rallyes

» Nuovi amici presentazioni
Gio 10 Ago 2017 - 15:11 Da fulvia rallyes

»  Dove trovare i vetrini strumenti fulvia coupe 13s 2s perchè ho ancora i vecchi vetrini
Lun 7 Ago 2017 - 17:11 Da Luigip

» Vendo per Renault Clio 2 Pezzi di Ricambio
Lun 7 Ago 2017 - 15:39 Da Davide66

» La mappa dei fulvisti
Dom 6 Ago 2017 - 23:11 Da trinacria55

» Mercoledì avrò la mia Fulvia
Dom 6 Ago 2017 - 0:58 Da andrea.cicconetti

» Ciao a tutti !! Ben trovati !!
Sab 5 Ago 2017 - 12:31 Da ingfgreco

» Lancia RIP - Il lento calvario di un mito.
Ven 4 Ago 2017 - 23:30 Da paolo5m

» Saluti a tutti
Mar 1 Ago 2017 - 19:10 Da ANDREA86

» Cerco griglia aria cruscotto Fulvia Coupé
Ven 28 Lug 2017 - 12:36 Da MB 1942

» grazie
Gio 27 Lug 2017 - 14:07 Da Davide66

» ringrazio da torino
Lun 17 Lug 2017 - 23:47 Da Iena991

» saluti
Sab 15 Lug 2017 - 20:49 Da rudy

» Aiuto Valutazione
Ven 14 Lug 2017 - 13:50 Da luciano parisi

» RM AUCTION sotheby's
Ven 14 Lug 2017 - 10:40 Da Davide66

» Buongiorno! Sono Tony da Reggio Calabria
Mar 11 Lug 2017 - 23:39 Da ingfgreco

» Compro cerchio borrani per fulvia 1300
Lun 10 Lug 2017 - 23:54 Da Claudio_hf95

Parole chiave
arriva solex Dischi candele serbatoio paraurti Firenze Freno tubi filtro fulvia cambio colore benzina distanziale montecarlo Pavimento olio pompa Raffreddamento sottoporta rimozione aria cavi Volante motore

Condividere | 
 

 un racconto di rallye

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: un racconto di rallye   Mar 12 Apr 2011 - 12:44

Qualcuno di voi conosce l’ (ex) pilota Giampiero Gibelli?
Ha scritto sul suo blog

http://zenitsulmare.myblog.it/archive/2009/02/10/rally.html

questo bel racconto che riporto. Protagonista una Fulvia HF naturalmente


rally...

In quegli anni la Lancia si doveva confrontare con le più potenti Porsche e le più leggere e scattanti Renault. La Fulvia sembrava partire svantaggiata da questo confronto, ma i pochi che riuscivano a capirla e guidarla nel modo dovuto, venivano ampiamente ripagati dai risultati. Fra tutte le auto più o meno competitive non era la più potente ne la più prestigiosa, tuttavia la preferivo per la difficoltà nel guidarla. Era superba, ostica, imprevedibile, caratteristiche che in una donna non mi sarebbero piaciute. In quella macchina erano invece affascinanti e, al contrario degli altri piloti che si arrendevano presto a queste difficoltà, ne venivo stimolato. Sapevo, che guidata con precisione e senza affanno, quasi accarezzandola come fosse un delicato strumento musicale si ottenevano grandi soddisfazioni, come riuscire a far meglio di auto molto più potenti e blasonate dal costo circa doppio. La Lancia Fulvia Coupe HF era per me (in certi momenti) come un'amante con la quale dividevo complicità e sensazioni che andavano aldilà della competizione con gli altri, ma che godevo anche durante le prove solitarie o nei trasferimenti. Il piacere raggiungeva il culmine nei percorsi invernali, attraversando in piena notte le foreste con la strada e gli alberi imbiancati dalla neve. Era uno spettacolo stupendo che faceva dimenticare le difficoltà economiche affrontate per poterla avere. Quella notte dovevo collaudarla nel suo insieme per verificarne l'equilibrio generale, e avevo deciso di andare solo. Mi sono riposato il pomeriggio per poter affrontare la notte con lucidità, la macchina è pronta, mi sento bene. Guardo dalla finestra la rossa sagoma della Fulvia acquattata sulle ruote. Sembra aspettarmi con pazienza e complicità, come sapendo che insieme faremo grandi cose. Mi piace tutto di lei, come quando si è innamorati. Anche quell'handicap di potenza che molti gli rimproverano, per me non è che uno stimolo che alimenta la sfida. So che il tempo inevitabilmente perso in salita è recuperabile con una dose di temerarietà (e un pizzico di incoscienza) in discesa o in curva, dove i cv sono meno importanti, "staccando" in ritardo rispetto agli avversari. Sono pronto, mi infilo al posto di guida metto il contatto. Il ticchettio della pompa di alimentazione elettrica che riempie di benzina i carburatori è l'unico suono nella notte. Attendo qualche secondo, premo il pulsante di avviamento, il motore fa sentire il suono non sostituibile con alcuna sinfonia. Fa freddo, ma scivola su di me lasciandomi indifferente. Il parabrezza, gelato nel suo perimetro, mi consentirebbe di vedere abbastanza per partire subito, tuttavia devo aspettare che il motore raggiunga una temperatura accettabile. Mentre tengo con l'acceleratore il motore al regime adatto, immagino come si muove la meccanica al suo interno, le varie fasi del ciclo, i pistoni che salgono e scendono all'interno dei cilindri, le bielle che li collegano all'albero motore, le valvole che si aprono e chiudono in sincrono, e l'olio ancora denso che alimentato dalla pompa lubrifica il tutto. In questo momento non riesco ad immaginare un luogo più desiderabile nel quale vorrei essere. Il liquido di raffreddamento a raggiunto la temperatura che mi consente di partire, premo il comando della frizione, innesto il primo rapporto e avvio dolcemente la Fulvia. Ho molto rispetto per la meccanica della mia macchina, non solo perché ripararla è costoso, ma la considero quasi una cosa viva. In pratica non la guido, ma è come se dialogassi con lei. Anche nei momenti più impegnativi quando sembra essere recalcitrante ad inserirsi in curva, con quel motore a sbalzo anteriore che la forza centrifuga sembra trascinare all'esterno di ogni curva affrontata velocemente. Questo è per me il suo fascino. Inserirla rapidamente è tuttaltro che semplice, ma è come se mi invitasse a capirla sempre più, in modo da riservare solo a me i suoi segreti più intimi. Comincio a vedere la neve ai lati della strada, presto diventerà un manto unico e compatto, soltanto più battuta sulla carreggiata. Aumento la velocità approfittando del traffico inesistente per testare l'assetto sull'asfalto. I Pirelli CN36 aderiscono piacevolmente e mi invitano a cercare il limite della Fulvia. Il cambio da Rally a rapporti ravvicinati è preciso e immediato, le marce si susseguono velocemente. Mi sento perfettamente in simbiosi con la macchina e insieme ci opponiamo alla forza centrifuga che vorrebbe buttarci fuori per la tangente ad ogni curva. Tenendo l'avantreno all'interno ne evito il deciso sottosterzo che la caratterizza. I fari come sciabolate nella notte cercano con impazienza la curva sucessiva. La scocca sembra torcersi per lo sforzo, ma tutto è sotto controllo. I dischi dei freni sono ormai roventi come usciti da una forgia, e so che all'esterno sono visibili attraverso le finestrelle dei cerchi ruota, tuttavia hanno conservato in buona parte la loro efficacia. Tutto procede per il meglio, l'assetto mi soddisfa e posso fermarmi da un distributore dove ho lasciato in precedenza i Pirelli da neve/ghiaccio. Il proprietario, un po' assonnato, mi saluta cordialmente e mi chiede informazioni sulla prossima gara, mentre mi aiuta a sostituire le ruote con pneumatici MS. La luce fredda dei neon si riflette sull'asfalto bagnato, avvolgendo la sagoma della Fulvia HF. Per un'attimo mi fa pensare ad un'armatura. Le sue ruote, con 350 chiodi che sbucano sfavillanti per due millimetri dalla gomma, brillano sinistri nella notte, ricordandomi le mazze armate usate dai cavalieri del medioevo. Riparto dopo il rifornimento, la Fulvia, come per incanto cambia completamente temperamento. Lo sterzo si è fatto leggero in conseguenza della riduzione di attrito per l'interposizione dei chiodi tra gomma e asfalto. Adesso sembra un'altra macchina. Ma questa è una esperienza che ho già acquisito in passato, per cui proseguo con tranquillità. La guida è completamente cambiata, a macchina scivola da una curva all'altra, l'aderenza è molto ridotta. Ogni manovra richiede un notevole anticipo. Si rende necessario calcolare i tempi con assoluta precisione, poichè ogni correzione può essere attuata solo assecondando la vettura e non costringendola ad inserirsi in curva. I freni non vengono praticamente usati. Per ridurre la velocità è più efficace "intraversare" la macchina. Inizia quella che si può paragonare a una danza. La Fulvia scivola da una curva all'altra con l'eleganza di una ballerina e vuole essere guidata con estrema dolcezza. Tutti i comandi vanno sfiorati, senza gesti bruschi, senza impegnare alcuno sforzo fisico ma concentrandosi e fondendosi con tutta la meccanica, prevedendone ogni reazione. Aumentando o diminuendo la potenza si ottiene il trasferimento di carico necessario per rendere la vettura sottosterzante o sovrasterzante. Adesso il manto stradale è completamente bianco e così tutto quello che mi circonda. I chiodi mordono il ghiaccio e la situazione (pur nella precarietà dell'aderenza) diventa più divertente, anche perchè i muri di neve ai lati della strada ridurrebbero le conseguenze di un eventuale errore. Adesso lo spettacolo è impagabile; i rami degli alberi piegati sotto il peso della neve, la visibilità perfetta per i riflessi di tutto quel candore. I cristalli di ghiaccio che brillando come diamanti amplificano l'efficacia dei proiettori supplementari da gara. Sono le tre di mattina e sono assolutamente solo su strade abitualmente poco frequentate. Posso vedere in lontananza malgrado le curve e quindi, osare senza mettere a repentaglio l'altrui incolumità. Tutti i sensi sono attivati, il suono del motore è un barrito nella notte. Ad ogni accelerata i carburatori orizzontali da 45 spalancano le "farfalle" e ingoiano aria e carburante. Sento il leggero sibilo dei ruotismi del cambio, controllo gli strumenti con un rapido sguardo. Adesso siamo una cosa sola io e la Fulvia. Ogni parte di lei è un prolungamento del mio corpo. Niente mi sfugge, è come se le mie estremità accarezzassero la strada. Ad ogni movimento della sospensione come se piegassero i miei arti. Quarta, quinta 5000 giri/m la velocità circa 130km/ora. Adesso non è più sufficiente dosare l'acceleratore per inserire la macchina nei curvoni ad ampio raggio. Continuando ad accelerare con il piede destro, con il sinistro doso i freni in modo che le ruote posteriori, non trascinate dalla trasmissione, abbiano un numero di giri inferiori a quelle anteriori e, perdendo aderenza, provochino una leggera sbandata del retrotreno, consentendo di controllare l'asse della vettura. La stessa tecnica è necessaria nelle curve strette e nei tornanti affrontati a velocità da gara poiché la Fulvia, guidata in modo tradizionale, non vuole saperne di inserirsi correttamente in curva. Scorgo in lontananza dei fari che si avvicinano, dalla potenza luminosa intuisco che si tratta di un'altra macchina da gara...
giampiero

Tornare in alto Andare in basso
xmax

avatar

Localizzazione : provincia VE
Età : 38
Numero di messaggi : 1668

MessaggioTitolo: Re: un racconto di rallye   Mar 12 Apr 2011 - 14:09

io godo.

grazie 1000 vecchio piero per avercelo proposto.
Tornare in alto Andare in basso
pier52

avatar

Localizzazione : nord ovest
Numero di messaggi : 1164

MessaggioTitolo: Re: un racconto di rallye   Mar 12 Apr 2011 - 16:18

Sensazioni uniche! Della Fulvia in assetto gara Munari disse: "e' come guidare una calamita attraverso due muri di ferro....."
Tornare in alto Andare in basso
piero gatti

avatar

Localizzazione : milano
Età : 64
Numero di messaggi : 1060

MessaggioTitolo: Re: un racconto di rallye   Mar 12 Apr 2011 - 16:30

cavoli che brividi...ai tempi sarei stato più coinvolto nel leggere racconti tipo....vicende erotiche vissute o confessioni di una casalinga annoiata....ora gli interessi si focalizzano su altre cose....leggendo questo e altri racconti sul forum..il solo rammarico è di avere una paciosa e tranquilla coupe per la passeggiata domenicale....son passati i tempi dell'adrenalina bruciata per una ripresa fuori giri o una derapata fuori asfalto....
ma da noi si dice..ogni stagiun la ga i so melun.......
Tornare in alto Andare in basso
http://www.artebiancamacchine.it
xmax

avatar

Localizzazione : provincia VE
Età : 38
Numero di messaggi : 1668

MessaggioTitolo: Re: un racconto di rallye   Mar 12 Apr 2011 - 16:38

piero dai non dire così, Munari ha compiuto da pochi giorni 71 anni e dovevi vederlo al rally leggend di qualche mese fa con la stratos sempre intraversato per 2 giorni....ok Sandro è il Drago..... cmq volere è potere (se la salute c'è) Very Happy
Tornare in alto Andare in basso
ingfgreco

avatar

Localizzazione : Spezzano Albanese (CS)
Numero di messaggi : 2873

MessaggioTitolo: Re: un racconto di rallye   Mar 12 Apr 2011 - 17:34

...bellissima segnalazione vecchiopiero, leggere di Fulvia e di fulvisti non ci si stanca mai Laughing
Tornare in alto Andare in basso
GianlucaHF

avatar

Localizzazione : La Spezia
Età : 28
Numero di messaggi : 1495

MessaggioTitolo: Re: un racconto di rallye   Mar 12 Apr 2011 - 17:51

ingfgreco ha scritto:
...bellissima segnalazione vecchiopiero, leggere di Fulvia e di fulvisti non ci si stanca mai Laughing
Parole sante!!!!!!!
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: un racconto di rallye   

Tornare in alto Andare in basso
 
un racconto di rallye
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Racconto di un giorno speciale: Raduno città di Gradisca 2009
» fulvia rallye 1.3 S
» Optional giacca Rallye 3, ovvero già predisposta per...
» Presentazione - Fulvia Rallye S 1969
» Racconto di una laurea

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Forum Amici Lancia Fulvia :: Discussioni generali :: Quattro chiacchiere da appassionati-
Andare verso: